Home » Archivio News » Oltre 800 in marcia su Venezia per evitare l'accorpamento delle az. sanitarie

Oltre 800 in marcia su Venezia per evitare l'accorpamento delle az. sanitarie

Corteo dal Tronchetto alla sede del Consiglio Regionale con
cartelli, canti e slogan. Delegazione ricevuta da Ruffato


 

GIOVEDI' 26 GENNAIO 2012 - il Gazzettino

VENEZIA - Oltre 800 bellunesi, tra sindaci e amministratori, rappresentanti di associazioni e dipendenti della sanità, famiglie con bambini e semplici cittadini, sono arrivati a Venezia, diretti a palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, con cartelli e striscioni, canti e slogan, per rivendicare il diritto alla sanità e all'assistenza anche degli abitanti della montagna.

Parcheggiati i 13 pullman e le auto al Tronchetto, hanno sfilato lungo le calli che portano alla sede del Consiglio regionale veneto. Una delegazione ha incontrato il presidente del Consiglio regionale Clodovaldo Ruffato, il presidente della commissione Sanità Leonardo Padrin e i capigruppo consiliari per consegnare le proposte di modifica che le comunità bellunesi vorrebbero veder accolte nel nuovo piano sociosanitario veneto, attualmente all'esame della commissione regionale sanità.

«È la più grande manifestazione che il Consiglio regionale abbia visto negli ultimi anni», ha detto il presidente del Consiglio Clodovaldo Ruffato alla delegazione bellunese guidata da Guido Trento, ex consigliere regionale del Pd. «Guido Trento, con il quale ho lavorato intensamente nelle precedenti legislature, era il mio vice alla guida della commissione Agricoltura, sa che il Consiglio regionale ha sempre dedicato particolare attenzione ai problemi e alle esigenze della montagna, grazie anche alla determinazione e alla tenacia dei suoi rappresentanti consiliari».

Trento, insieme ai presidenti delle conferenze dei sindaci delle Ulss di Belluno e di Feltre Angelo Paganin e Maria Teresa de Bortoli, al sindaco di Santo Stefano Alessandra Buzzo e i rappresentanti dei comitati di Cortina, Agordo e Feltre, ha illustrato ai consiglieri regionali gli emendamenti al piano sociosanitario in materia di organizzazione della rete ospedaliera, dirigenza delle Ulss, assistenza territoriale, rete di prevenzione, rete dell'urgenza ed emergenza e riparto dei finanziamenti. Obiettivo dei comitati e delle istituzioni bellunesi è difendere la qualità e il futuro dei quattro ospedali di Belluno, Feltre, Agordo e Pieve di Cadore, restituire alla gestione pubblica il Codivilla di Cortina e potenziare il centro riabilitativo di Lamon.

commenti

commenti (0)

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini