Home » Archivio News » In 1500 sfilano dietro la bara nera

In 1500 sfilano dietro la bara nera

Manifestazione a Belluno
DOMENICA 27 SETTEMBRE 2009 – Corriere delle Alpi
 
di Cristian Arboit
BELLUNO. Ad aprire il corteo una bara nera, portata a spalla da qualche becchino improvvisato. Poi alcune tute bianche munite di motosega perché il rischio è quello di assistere allo smembramento di un intero sistema produttivo. Metafore pesanti che hanno dato il senso della protesta preoccupata e preoccupante messa in piedi ieri mattina da Cgil, Cisl e Uil. Una manifestazione in chiaroscuro: mentre per i sindacati hanno sfilato in
2500, la Questura parla di 500, massimo 600 persone.

Sono le nove del mattino quando dagli altoparlanti escono le note del cielo d’Irlanda, peccato che il cielo di Belluno sia decisamente più nero. E non solo dal punto di vista meteorologico. Il manifatturiero sta franando e le prospettive per la fine dell’anno sono tutt’altro che buone.

Per i sindacati e i lavoratori presenti la crisi c’è. Impossibile non vederla. Il corteo, partito dal piazzale della stazione, è arrivato in piazza dei Martiri, nel cuore dello shopping prefestivo tra negozi mezzi pieni e mercato gremito. Una sorta di promemoria per i tanti passanti, molti dei quali ignari e stupiti: senza il tanto bistrattato manifatturiero crolla tutto, compresi il commercio e i servizi. In testa al corteo c’è l’Ideal Standard, seguita dai pensionati, ma anche dalla Pandolfo e dall’Acc. C’è poi la Safilo, ma - inutile negarlo - molti sono anche gli assenti.

«Tanti non se ne rendono ancora conto - afferma un operaio dell’Ex Ceramica - Qui rischiamo grosso tutti». Il messaggio è per i grandi dell’occhiale (Safilo esclusa), ma anche per il mondo del commercio e dell’artigianato.

Quanto ai segretari provinciali, tutti preferiscono concentrarsi su chi c’è. Al di là delle cifre, una manifestazione unitaria a difesa del lavoro non è affare da tutti i giorni. «Chi dice che non c’è la crisi» - l’esordio di Paolo Da Lan della Uil - venga qui a spiegarcelo. E lo stesso vale anche per chi sostiene che ci siano ammortizzatori sociali a sufficienza». «Noi non siamo più dei limoni da spremere - prosegue Da Lan - Adesso basta». Il riferimento va poi ai tanti bandi regionali e comunitari che molte aziende bellunesi fanno finta di non vedere: «Nel Bellunese si stanno perdendo troppe occasioni».

Parla di «fiducia tradita» il leader provinciale della Cisl Primo Torresin, che parte con un esempio eclatante: «Ci era stato promesso che il centro di ricerca dell’A cc si sarebbe realizzato a Belluno e invece l’impegno è stato disatteso. Oggi, l’ottimismo non serve a nessuno». Anche per questo Torresin si vota alla real-politik: «Non ricordo nemmeno il numero delle aziende chiuse o che stanno chiudendo. Il nostro tessuto è fragile e il turismo non è mai decollato». Da qui la proposta di una “piattaforma” da condividere con il territorio e i suoi soggetti. Il segretario della Cisl parla poi di sanità e scuola da salvaguardare e di una maggiore attenzione per il Made in Italy: «In questa piazza ci sono i bellunesi che non si rassegnano», la conclusione.

Dal canto suo, il segretario della Cgil Renato Bressan si concentra su quei tanti soggetti per cui stanno per scadere gli ammortizzatori sociali: «Tutte persone che non sono protette dagli scudi fiscali). E qui Bressan chiede più attenzione per le persone “oneste”, rilanciando l’idea di uno sciopero generale: «Le liste di mobilità sono gonfie e le richieste di cassa integrazione aumentano. Dov’è la responsabilità sociale delle imprese?», si chiede Bressan, convinto più che mai della necessità di arginare il lavoro precario e di “marciare” su Bruxelles. Infine l’appello: «Combatteremo questa crisi, rimanendo con i piedi per terra, la schiena dritta e la testa alta».
 
 
 

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini