Home » Archivio News » Disabili psichici, nuovo accordo

Disabili psichici, nuovo accordo


firmato il rinnovo di un accordo scaduto nel 2009 e ora rilanciato con alcuni miglioramenti


GIOVEDI' 09 SETTEMBRE 2010 - Corriere delle Alpi

di Irene Aliprandi

BELLUNO. Nuovo impulso all’inserimento lavorativo dei disabili psichici. Provincia, sindacati e associazioni di categoria hanno firmato ieri il rinnovo di un accordo nato nel 2005, scaduto nel 2009 e ora rilanciato con alcuni miglioramenti. La novità principale riguarda il prolungamento dei termini da due a tre anni, per dare opportunità anche ai soggetti più gravi.  Sulla base dell’accordo, le aziende possono affidare alcune attività all’esterno, avvalendosi di cooperative sociali che impiegano disabili. Finora le imprese che hanno aderito sono tutte occhialerie: Luxottica, Safilo, Marcolin e De Rigo, capaci di coinvolgere 75 persone in attività varie: imbustamento, allestimento di kit, lavorazioni sugli occhiali, preparazione di materiale.  «Il nuovo accordo», spiega l’assessore provinciale alle politiche del lavoro Stefano De Gan, «presenta tre novità. La prima porta da due a tre anni la durata dei rapporti tra aziende e cooperative, perché in passato le persone con disabilità più gravi restavano indietro, ma se allunghiamo i tempi si potranno inserire meglio anche questi soggetti. La seconda novità riguarda le cooperative e riduce a un anno il tempo minimo di iscrizione all’albo regionale, requisito necessario per accedere all’accordo».  Infine viene eliminato il gruppo tecnico, creato nel primo periodo di sperimentazione.  Generale la soddisfazione delle parti sociali. «Stiamo parlando di persone con problemi notevoli», spiega Renato Bressan della Cgil, «servono cura e attenzioni particolari. Quello che va sottolineato è il metodo seguito, un’esperienza positiva che ci ha permesso di migliorare l’accordo. I 75 già coinvolti sono un buon numero e c’è un servizio che li segue in modo molto proficuo». Parla di bontà del metodo e dell’approccio seguito anche Rudy Roffarè della Cisl.  Marco Caliandro di Confcooperative, ugualmente soddisfatto del lavoro con Provincia e parti sociali, sottolinea la presenza di 14 cooperative sociali di tipo B nel bellunese, più due in formazione. In alcuni casi si tratta di realtà volute e avviate dagli enti locali.  Armando Targon dell’Anmil avrebbe voluto veder coinvolte anche le piccole imprese, ma l’Unione artigiani spiega di aver votato contro questa proposta perché le aziende più strutturate possono rispondere meglio. 

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini