Home » Archivio News » Un attacco alla libertà di manifestazione

Un attacco alla libertà di manifestazione

Intervista all'avvocato Ezio Menzione, ex difensore dei ragazzi massacrati alla Diaz

MARTEDI' 18 OTTOBRE 2011 - PeaceReporter

di Enrico Piovesana
Avvocato, come giudica le misure annunciati dal ministro Maroni?
Tutti questi provvedimenti ignorano il fatto che il diritto a manifestare è costituzionalmente garantito e che quindi non può essere compresso oltre un certo limite. Introdurre il divieto di accedere alle manifestazioni politiche e l'obbligo di versare una cauzione limitano ingiustificatamente questo diritto perché non hanno a che fare con il comportamento che si tiene in manifestazione, ma con il diritto stesso di manifestare. Tra l'altro il Daspo per gli stadi non ha sortito grandi effetti, in quanto applicabile solo dopo i fatti, ma privo di qualsiasi efficacia preventiva. Ancor più inconcepibile è la cauzione, che subordina alla disponibilità economica il diritto alla manifestazione.

E come legge la maggior tutela giuridica per gli agenti impegnati in manifestazione?
Garantire una sorta di immunità per le forze dell'ordine che abbiano commesso abusi in manifestazione è inconcepibile dopo quello che ci ha insegnato Genova, dove gli abusi sono rimasti largamente impunti. Proporre una cosa simile mi sembra del tutto fuori luogo.

L'arresto di un manifestante tramite identificazione in video e foto?
L'arresto in flagranza differita tramite individuazione video-fotografica, già sperimentato per i reati da stadio, va contro i principi della libertà individuale che stanno alla base della nostra civiltà giuridica liberale. Inoltre, certi atteggiamenti apparentemente criminosi va decifrato in base al contesto: non basta un'unica fotografia. Per esempio, il manifestante che ha tirato l'estintore poteva magari agire in autodifesa di fronte a un'azione ingiustificata di un poliziotto.

Infine l'introduzione di uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni.
Il nostro codice già prevede l'associazione sovversiva e l'associazione a delinquere. Creare una nuova fattispecie criminalizzando il diritto di manifestazione va contro la Costituzione.
Siamo di fronte al solito rigurgito securitario: c'è solo da augurarsi che tutto si areni grazie al buon senso.

commenti

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini