Home » Archivio News » Sciopero della Cgil: «Stop disuguaglianze»

Sciopero della Cgil: «Stop disuguaglianze»


Domani mobilitazione anche a Belluno. Bressan: «Ritorno al pre-Vajont»

GIOVEDI' 05 MAGGIO 2011 - Corriere delle Alpi

di Martina Reolon
BELLUNO. «Alla base dello sciopero ci sono principalmente due ragioni: la crisi prolungata da una parte e, dall'altra, ancora la crisi, che ha determinato, in questo paese, l'aumento delle disuguaglianze». Così la Cgil mobilita la protesta. Queste le parole con cui Renato Bressan, segretario provinciale Cgil, ha presentato lo sciopero generale di domani, con ritrovo dalle 9 al palasport di Ponte. Difesa di uguaglianza e lavoro. Al centro della protesta la difesa del lavoro, il sostegno a servizi sociali e assistenziali, la richiesta di riduzione delle tasse su retribuzioni e pensioni. Ma soprattutto la lotta alla disuguaglianza. «Secondo dati forniti dalla Banca d'Italia», spiega Bressan, «il 50% della ricchezza è nelle mani del 10% delle famiglie italiane. C'è una mancanza di equità, causata dalla politica attuale». E la via che, dicono dalla Cgil, bisognerebbe percorrere per permettere una corretta distribuzione della ricchezza passa per due filoni: quello fiscale e quello della contrattazione. «Nel nostro paese (dato Ocse)», aggiunge Bressan, «la massa di evasione fiscale raggiunge circa 200 miliardi di euro. È ora che si metta mano alle politiche fiscali, eliminando una serie di provvedimenti». Tra questi, quello che prevede l'abolizione del falso in bilancio, i deperimenti dei sistemi sanzionatori per i reati fiscali e la derubricazione ad ammende amministrative. «Devono essere ripristinati gli interventi di lotta all'evasione fiscale», dice Bressan, «altrimenti si prendono soldi dove non si deve e non si avrà mai una ripresa dei consumi». Domanda interna e stipendi in flessione. Dati Istat, infatti, confermano che in Italia la domanda interna è in flessione. «Bisogna sì favorire l'export», sostengono dalla Camera del lavoro, «ma il mercato di riferimento principale è quello interno. Pensiamo ai sanitari prodotti dall'Ideal Standard: 8 su 10 sono venduti in Italia». Ma un problema è costituito anche dal rapporto stipendi-inflazione. «Se il Governo continua a insistere sulla riforma contrattuale del gennaio 2009 quello che si programma è una riduzione sistematica degli stipendi. E non dimentichiamo che c'è uno scarso controllo sui prezzi al consumo». Problemi amplificati in provincia. E i numeri forniti nelle scorse settimane da Unioncamere non hanno certo parlato di una situazione rosea in provincia di Belluno, che ha il tasso più basso nel Veneto di nuove imprese. Questo non perché si sia di fronte a una concentrazione di impresa. «Se fosse così non continuerebbe ad aumentare il numero di disoccupati. Non dimentichiamo poi che tra Belluno e Rovigo abbiamo le pensioni più basse della Regione, in media sotto gli 800-900 euro». «Gli anziani in pensione fanno da "ammortizzatori sociali"», commenta Ludovico Bellini, segretario pensionati Cgil, «tengono i nipoti quando i genitori non possono permettersi di mandarli all'asilo, perché costa». Insomma, nel Bellunese la gente, anziché risparmiare, si indebita. E dalla Cgil paventano, tra 10 anni, un ritorno al periodo "pre-Vajont": «Se si continua così, quali imprenditori vorranno investire qui in provincia?». E intanto la Camera del lavoro, quanto ai tagli al sociale, ha proposto al Comune di Belluno una "piattaforma per il Welfare locale", tramite un patto antievasione, previsto dalla legge, istituto tra parti sociali ed enti locali, d'accordo con l'Agenzia delle entrate. «Accordo già istituito in altre città italiane e venete, che permette di recuperare fino a un 50% di risorse, che vanno nelle casse dei Comuni e possono essere investite nel sociale»

(n.d.r.=il neretto è nostro)


commenti

commenti (0)

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini