Home » Archivio News » Renato Bressan confermato alla guida della Cgil

Renato Bressan confermato alla guida della Cgil

IL CONGRESSO Il segretario: «Impegno ancora più determinato per la tutela dell’occupazione»


DOMENICA 07 MARZO 2010 - il Gazzettino 


Renato Bressan è stato confermato segretario provinciale della Cgil. Organizzazione sindacale che si appresta a scioperare, venerdì prossimo, al motto "Lavoro, fisco, cittadinanza. Cambiare si può".

      Ma il verbo cambiare è anche il filo conduttore del programma che l’operato di Bressan seguirà nei prossimi due anni. «L’obiettivo principale di questo mio mandato - sottolinea - sarà ancor di più la tutela dell’occupazione. La Cgil sarà in prima linea per modificare la situazione attuale che tanta precarietà e disoccupazione sta diffondendo nel Bellunese».

      Reduce da 291 assemblee tra i lavoratori per l’illustrazione delle mozioni congressuali, Bressan non nasconde il proprio sconforto. «Mentre fino a qualche tempo fa i lavoratori chiedevano ai sindacalisti di aiutarli a portare a casa qualche soldino in più - spiega - ora il tono degli interventi è decisamente più drammatico. La richiesta è stata sempre la stessa: aiutateci a non perdere il posto di lavoro».

      A Belluno, così come nel resto d’Italia, ha vinto la mozione "I diritti e il lavoro oltre la crisi". In provincia questa, il cui primo firmatario è il segretario nazionale Guglielmo Epifani, ha ottenuto l’81,41% delle preferenze. Il documento "La Cgil che vogliamo", presentato invece dal segretario della categoria dei bancari Domenico Moccia, ha ottenuto il 18,59%.

      Tornando allo sciopero del 12 marzo, la Cgil di Belluno sta organizzando dei pullman per la manifestazione regionale che si svolgerà a Padova. Già certi quelli in partenza alle 7 dal palazzetto dello sport De Mas di Belluno e da piazzale Parmeggiani a Feltre. Per ulteriori informazioni e prenotazioni è possibile telefonare allo 0437948046.

      «Il fisco "malato" - sottolinea Bressan - sarà il protagonista dello sciopero. Infatti attualmente al gettito complessivo tributario partecipano per oltre l’80% i lavoratori dipendenti e i pensionati. Non a caso l’Istat recentemente ha dichiarato, sulla base delle ultime dichiarazioni dei redditi, che i ricchi in Italia sono per l’appunto i lavoratori salariati e i pensionati, mentre lavoratori autonomi, liberi professionisti, imprenditori, artigiani e commercianti percepiscono redditi inferiori. Inoltre, una distribuzione iniqua della ricchezza nazionale ha comportato che il 45% della ricchezza complessiva si sia concentrata oggi nelle mani del 10% delle famiglie italiane come affermato dallo stesso Governatore di Bankitalia Mario Draghi. Processi avvenuti per il record raggiunto di una pressione fiscale sul lavoro dipendente e pensionati pari al 43,2% tra imposizioni dirette ed indirette».



Potete leggere nel sito della CAMERA DEL LAVORO DI BELLUNO:

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini