Home » Archivio News » "Made in" obbligatorio. Il via libero dall'Europarlamento

"Made in" obbligatorio. Il via libero dall'Europarlamento


La prima etichetta europea per dire dove è stato fabbricato il prodotto nato fuori dai confini dell’Unione


VENERDI' 22 OTTOBRE 2010 - LA STAMPA.it

di Marco Sodano
Arriva l’etichetta europea, e dirà dove è stato fabbricato ogni prodotto nato fuori dai confini dell’Unione. Il Parlamento europeo ha approvato ieri il progetto di risoluzione sul “Made in” che prevede la creazione di un sistema di etichettatura per l’indicazione dell’origine dei prodotti importati nell’Ue da Paesi terzi. Il progetto di risoluzione è stato approvato con 525 voti a favore, 49 contrari e 44 astenuti. Soddisfatto uno dei tre relatori italiani Gianluca Susta (Pd): «È andata anche meglio del previsto», ha commentato.

Grazie al regolamento, «i cittadini europei avranno il diritto di conoscere l’origine di ciò che stanno acquistando», ha detto la relatrice Cristiana Muscardini (Ppe) intervenendo in Aula. «È stato cancellato un deficit democratico». Nelle votazioni sugli emendamenti sono stati cancellati dall’obbligo di etichettatura con la provenienza i prodotti farmaceutici, le lenti a contatto e le lenti per occhiali. Inoltre, è stata inserita una clausola che fissa in cinque anni il periodo di applicazione del regolamento. Il documento passa ora all’esame del Consiglio Ue.

Quasi euforico il viceministro allo Sviluppo economico Adolfo Urso, che parla di «vittoria straordinaria, ottenuta a larghissima maggioranza. Un voto che rafforza la nostra posizione negoziale in vista del Consiglio europeo: puntiamo ad avere le etichette obbligatorie già dall’inizio del prossimo anno». Il regolamento prevede l’obbligo di dichiarare il paese di fabbricazine per alcune categorie di prodotti: tessile, abbigliamento, calzature, ceramica, oreficeria, viti e bulloni, utensileria, coltelleria, vetro, rubinetteria e pneumatici. «Tutti settori - ha precisato Urso - nei quali finalmente le nostre aziende giocheranno ad armi pari, combattendo il fenomeno della concorrenza sleale».

Soddisfatte anche le imprese italiane. I confindustriali della ceramica, per mezzo del presidente Manfredini: «L’indicazione obbligatoria rappresenta una fondamentale risposta a favore del consumo consapevole da parte dei cittadini europei». E Confcommercio: «Un passo che rafforza il sostegno al commercio legittimo e la lotta alla contraffazione. È auspicabile che ora arrivi anche l’approvazione del Consiglio europeo».

Il voto di oggi è il prima via libera al nuovo regolamento, ed è arrivato dopo sei anni di gestazione di una proposta di direttiva bipartisan partita nel 2005 e molto sostenuta dagli italiani. Ora lo scoglio degli emendamenti: dopo i farmaci, bisogna vedere cos’altro uscirà dalle nuove regole.

commenti
commenti (1)

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini