Home » Archivio News » Gomorra anche in Veneto. 132 aziende sotto usura

Gomorra anche in Veneto. 132 aziende sotto usura


Criminalità I Casalesi colonizzano il Nordest. Attraverso una società di recupero credito, il clan ha imposto l’estorsione a centinaia di imprenditori, pestati brutalmente e finiti in rovina

VENERDI' 15 APRILE 2011 - Terranews

di Giorgio Mottola
In Veneto i casalesi hanno cominciato da “spazzini”. Negli anni ‘80 molti imprenditori spregiudicati scoprirono che era possibile abbattere i costi dello smaltimento dei rifiuti, rivolgendosi agli intermediari del clan casertano. Dai poli industriali di Venezia, Vicenza, Verona e Padova sono partiti decine di migliaia di camion carichi di scarti tossici verso la Campania. In pochi però si sono accorti che i casalesi, mentre avvelenavano la loro terra, contemporaneamente iniziavano una lenta e capillare colonizzazione del Veneto. A distanza di meno di trent’anni, il clan casertano è riuscito a esportare perfettamente anche in pianura padana i propri modelli di business e le proprie metodologie criminali. È quanto emerge da un’inchiesta della Dda di Venezia, che ieri ha portato all’arresto per estorsione di 29 persone, quasi tutti affiliati al cartello criminale dei casalesi. Nella loro rete erano finite 132 aziende.

Il raggio di azione erano le province di Venezia, Vicenza e soprattutto Padova, ma le dinamiche non erano molto differenti da quelle che si verificano in provincia di Caserta. Chi non pagava veniva pestato brutalmente. E se i conti non venivano saldati, le vittime erano costrette a trovare nuovi clienti e a cedere le proprie aziende. Il racket era gestito da un’organizzazione strutturata rigorosamente e armata. Si reggeva su una gerarchia precisa, con ruoli operativi ben distinti, coordinata da Mario Crisci, soprannominato il dottore. Gli uomini del clan agivano con una copertura legale: una società di recupero credito, la “Aspide”, che aveva la sede legale a Padova. È da qui che provenivano gli ordini per la riscossione e le spedizioni punitive nei confronti dei debitori insolventi.

I punti di forza della società erano due: la crisi economica, che costringeva gli imprenditori a un’ esigenza perenne di liquidità, e le modalità di azione tipicamente mafiose dei creditori. Alle vittime venivano applicati tassi usurai fino al 180 per cento annuo. Quasi banale, ma estremamente efficace, il metodo utilizzato dall’organizzazione criminale per gestire le grosse quantità di soldi derivanti dal racket. Il denaro arrivava attraverso semplici versamenti su carte di credito prepagate e ricaricabili, le poste pay. E attraverso lo stesso sistema, venivano divisi i profitti tra i componenti del clan.

Le dimensioni del fenomeno criminale destano profonda preoccupazione. «Sono state per anni penalizzate centinaia di imprese sfruttate fino all’osso, svuotate di tutto e distrutte. Gravissimi sono i danni per i lavoratori che in conseguenza di ciò non solo hanno perso l’occupazione, ma anche la liquidazione», è l’allarme che lancia la Cgil.

La provincia di Padova sembra quindi profilarsi come l’avamposto dei casalesi in Veneto. La scorsa settimana, è stato infatti arrestato Franco Caccaro, imprenditore titolare di una delle più grandi aziende nelle settore dei rifiuti, accusato di essere il prestanome di Cipriano Chianese, considerato da magistrati l’inventore delle ecomafie casertane.

commenti

 

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini