Home » Archivio News » Tagli al sociale, sindacati e Usl: «Serve fare squadra»

Tagli al sociale, sindacati e Usl: «Serve fare squadra»


Nell'incontro dell'altro ieri si è giunti ad un accordo per salvare il territorio e la sanità

VENERDI' 05 NOVEMBRE 2010 - Corriere delle Alpi


BELLUNO.
Tutti d'accordo: per fronteggiare i tagli paventati per la sanità bellunese è necessario fare fronte comune.  E' il risultato emerso l'altro ieri mattina dall'incontro svoltosi nella sede amministrativa dell'Usl in via Feltre a cui hanno partecipato tutte le sigle sindacali, il direttore generale Angonese (in una delle sue ultime uscite da dg bellunese visto che da lunedì andrà a dirigere l'Usl di Thiene a due passi da casa), il direttore dei servizi sociali Tanzarella e il presidente della Conferenza dei sindaci, Paganin.  «Tutti i presenti hanno concordato con i nostri timori in merito ai tagli previsti per la sanità che si faranno sentire maggiormente a partire già dal prossimo anno quando il budget trasferito dalla Regione non potrà più essere sforato, e dal 2013 quanto i trasferimenti di risorse alle aziende sanitarie saranno misurati sulla base dei costi standard», hanno fatto presente i sindacati confederali.  «Insomma la situazione si prefigura molto pesante tanto che bisogna intervenire al più presto. Ma l'intervento deve essere di tutto il territorio, non si può più pensare di procedere in ordine sparso, ognuno per conto proprio, ogni area per se stessa. Serve ragionare su un quadro complessivo della sanità bellunese, tenendo presente le peculiarità di un territorio che è variegato e diverso da zona a zona», spiegano i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, forti del favore raccolto ieri anche dai vertici decisionali dell'Usl n. 1.  «La preoccupazione è molta», dice Anna Orsini, segretaria della Cisl, «ma per poter ottenere qualcosa, oltre che sedersi ad un tavolo e riflettere sulla sanità complessiva non solo provinciale ma anche extraprovinciale, serve un cambio culturale che permetta di fare squadra. Come lo stesso direttore Angonese ha detto, se è tutto il territorio a muoversi, l'impatto è diverso oltre che maggiore».  «Ma quello che dobbiamo richiedere alla Regione per prima cosa», introduce un distinguo Renato Bressan, segretario Cgil, «è che non vengano praticati in nessun modo i tagli in questa provincia già così disagiata. Io ragiono da sindacalista: se un'azienda mi dice che taglierà del personale, prima di qualsiasi cosa ho l'obbligo di trattare sul taglio per ridimensionarlo. Poi si potrà discutere del resto». 

CGIL NAZIONALE

CGIL NAZIONALE

CGIL BELLUNO

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

Camera del Lavoro di Belluno

CGIL BELLUNO - il portale dei lavoratori

seguici su twitter per essere sempre aggiornato

UFFICIO VERTENZE

UFFICIO VERTENZE - il portale dei lavoratori

ASSISTENZA LEGALE GRATTUITA

FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE - il portale dei lavoratori

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

IL GAZZETTINO

IL GAZZETTINO - il portale dei lavoratori

SUNIA TUTELA PER INQUILINI

SUNIA  TUTELA PER INQUILINI - il portale dei lavoratori

federconsumatori

federconsumatori - il portale dei lavoratori

CORRIERE DELLE ALPI

CORRIERE DELLE ALPI - il portale dei lavoratori

FILCTEM Belluno

FILCTEM Belluno - il portale dei lavoratori

Fed. It. Lav. Chimici Tessile Energia Abbigliamento

Articolo 1

Articolo 1 - il portale dei lavoratori

web radio

I SERVIZI

I SERVIZI - il portale dei lavoratori

pensioni,infortuni,malattie p.maternità,rinnovo permessi...

MAI PIU' COMPLICI

MAI PIU' COMPLICI - il portale dei lavoratori

ORARI INCA BELLUNO

ORARI INCA BELLUNO - il portale dei lavoratori

clicca sull'immagine

SERVIZI FISCALI

SERVIZI FISCALI - il portale dei lavoratori

modello 730, modello unico, ici...

CANCELLARE SUBITO LA LEGGE bossi/fini